La principale attività della Capitolina Scherma ASD è l’insegnamento della scherma; per noi una vera passione! Consideriamo la scherma infatti uno degli sport più ricchi di fascino, eleganza, tradizione e soprattutto “storia” essendo uno degli sport più antichi al mondo.

La scherma comprende tre diverse discipline il fioretto la sciabola e la spada ed è oggi praticata da tantissime persone in tutto il mondo e le scuole italiane sono riconosciute universalmente come le migliori: presso la nostra associazione potrai incontrare ottimi Maestri e atleti di ogni livello con cui crescere e confrontarti. Nella nostra Sala di Scherma abbiamo deciso di insegnare il fioretto come prima arma, un’arma “di punta”, il che significa che per mettere a segno stoccate può essere usata solo la punta, ma soprattutto un’arma fortemente “accademica” – nei secoli passati veniva utilizzata come arma da studio o da allenamento –  nonché un’arma che richiede una tecnica eccellente.

Nella scherma lo stile di combattimento, le regole, le modalità di allenamento e di insegnamento variano enormemente, e possiamo considerare ciascuna disciplina, fioretto, sciabola o spada come un mondo a parte: come accennato, nella nostra Sala di Scherma si inizia sempre dal fioretto e dopo un’attenta valutazione dei Maestri si può anche cominciare la pratica della spada. Anche la spada richiede pazienza, un eccellente spirito di osservazione e nervi d’acciaio. Non ci sono convenzioni negli incontri con la spada: il primo che colpisce l’avversario realizza il punto. Se sei interessato a un corso di fioretto o un corso di spada non esitare a chiamarci!

 

La scherma è una disciplina sportiva affascinante e ritmata, che richiede prontezza di riflessi, agilità e velocità. Come affermata scuola di scherma di Roma, precisiamo che questo non è affatto uno sport violento o aggressivo o pericoloso, essendo soprattutto basato sulla tattica, sull’osservazione, sull’autocontrollo, sulla coordinazione dei movimenti, sulla prontezza dei riflessi, sulla concentrazione.

La scherma ha radici antiche e venne inclusa nelle Olimpiadi moderne sin dalla loro prima edizione. La scherma è attualmente anche una disciplina paralimpica: presso la Capitolina Scherma ASD ad esempio,  abbiamo attivato con grande orgoglio e soddisfazione un corso di scherma per atleti non vedenti.

Tutte le sere presso le palestre di Roma dove abbiamo attivato i nostri corsi di scherma, allestiamo diverse  pedane: sono il campo di gara – lungo 14 metri e largo due – su cui si confrontano e imparano i nostri atleti. Tutti i nostri schermidori, così vengono chiamati gli atleti che praticano scherma, indossano una tuta protettiva di colore bianco, un corpetto imbottito ed una maschera da indossare sul viso. La maschera è dotata di una maglia di acciaio, mentre le divise sono realizzate con materiali come ad esempio il kevlar, leggero ma resistente. A questi elementi protettivi vanno aggiunti il guanto e particolari corpetti o conchiglie.

Gli atleti, e così quelli della Capitolina Scherma, si esercitano sempre simulando una competizione reale e le armi utilizzate sono collegate a sistemi di rilevazione elettronici delle stoccate che permettono di evidenziare quando un colpo viene messo a segno. Grazie alla presenza di sensori collocati sull’arma vengono attivati specifici segnalatori luminosi che si accendono ad indicare lo schermidore ha messo a segno una stoccata. Gli schermidori che utilizzano fioretto e sciabola indossano copri giubbotti metallici sopra le tenute di gara, in modo da rendere possibile la registrazione delle stoccate.

Oggi la scherma consiste nel toccare l’avversario in determinati punti del corpo e contemporaneamente nel parare i colpi dell’avversario. L’insieme di tutte queste azioni costituisce un assalto, che ha durata prestabilita.

 

Molte sono le parole “nuove” che come atleti principianti sentirete frequentando una scuola di scherma. La prima è sicuramente “attacco” che definisce la prima azione offensiva. “Parata” indica invece una difesa vincente con deviazione della lama dell’attaccante. “Risposta” l’attacco che segue una parata vincente e “rimessa” l’attacco portato, senza ulteriore avanzata, immediatamente dopo un proprio attacco fallito. Infine con il termine “raddoppio” si indica l’attacco portato a un avversario che abbia perso la priorità per inazione o lentezza. Queste e tante altre parole entreranno facilmente nel vostro lessico se deciderete di iscrivervi ed appassionarvi ai corsi di scherma che la Capitolina Scherma ASD tiene a Roma da ben 10 anni.

La Capitolina Scherma ASD è iscritta alla FIS (Federazione Italiana Scherma) con sede a Roma che regola e organizza la scherma in Italia. Come associzione inoltre aderiamo per l’attività olimpica al CONI  (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) e per l’attività internazionale alla FIE (Federation Internationale d’Escrime), che ha sede a Parigi e che ha fissato nel lontano 1914 le regole agonistiche che ancora sono in vigore.

La Capitolina Scherma (ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA) è stata costituita il 26/05/2008.
E’ affiliata alla Federazione Italiana Scherma da settembre 2008 con numero FSNFIS20217.


Sede del corso, tipologia e fascia di età, orario:

PALESTRA PINCHERLE via Vito Volterra, 202

MINISCHERMA (6 – 9 anni) Martedì e Giovedì ore 17.00- 18-15

SCHERMA OLIMPICA E PARALIMPICA FIORETTO (9 – 80 anni) da Lunedì a Giovedì ore 17.00/21.30

SCHERMA NON VEDENTI Martedì- Giovedì 18.30-20.00

SCHERMA OLIMPICA SPADA (Over 14) Venerdì ore 17.15-19.15

LUDOSCHERMA (4 – 6 anni) Venerdì ore 16.30 -17.30, da avviare


Sede del corso, tipologia e fascia di età, orario:

PALESTRA RAIMONDI via Carlo Tommaso Odescalchi, 73

SCHERMA BAMBINI (6 – 8 anni) Lunedì 16.40 – 17.45, da avviare